Il Fruttosio Fa Male?


Vi siete mai chiesti perché nell’ambiente del fitness e del Bodybuilding la frutta abbia una così brutta reputazione? In fin dei conti le nostre madri e le nostre nonne ci hanno sempre detto di mangiare tanta frutta e verdura. Questi alimenti sono spesso associati al concetto di salute e buona alimentazione. Allora perché evitarli?

In effetti alcuni motivi ci sono e sono tutti riconducibili ad un saccaride: il fruttosio. Abbondantemente presente sia in frutta che in verdura, il fruttosio potrebbe rilevarsi un nemico nel nostro processo di ricomposizione corporea e nel nostro percorso sportivo. In questo articolo capiremo quali sono le ragioni per cui il fruttosio fa male e come poterci comportare per risolvere questo problema.

 


Metabolismo del Fruttosio


Il primo motivo per cui il fruttosio fa male è da ricercare nel metabolismo dello stesso. Ora, noi sappiamo che nel nostro tessuto muscolare ci sono dei recettori, chiamati GLUT-4. Immaginiamo questi recettori come piccole “gru”. Quando il livello di glicemia del sangue si alza, queste gru si “affacciano” sulla superficie della cellula e vanno ad afferrare il glucosio portandolo all’interno.

Per il fruttosio il meccanismo è diverso in quanto ci sono altri recettori destinati a questo compito: i GLUT-5. Questi recettori però sono presenti per lo più a livello epatico, nel fegato. Questa prima differenza ci fa capire come il fruttosio venga metabolizzato a livello epatico mentre il glucosio sia destinato a costituire lo storage di glicogeno muscolare.


Il Primo Motivo per cui il Fruttosio fa Male


Fatta questa prima panoramica cerchiamo di capire perché il fruttosio fa male. O almeno perché ha questa nomea.

Come abbiamo visto questo saccaride è destinato, per lo più, al fegato. Il fegato ha una sua capacità di immagazzinamento e, in termini relativi, è anche molto più efficiente del tessuto muscolare. Il problema è che il fegato è comunque piccolo rispetto alla massa muscolare totale di una persona (figuriamoci rispetto a quella di un Bodybuilder). Per questa ragione è molto più facile che vada a saturarsi. Se il fegato si satura il fruttosio in eccesso non può più entrare e il corpo si trova costretto a bruciarlo, lasciarlo in circolo o convertirlo in grasso (DNL, de novo lipogenesis). Ora, lasciando stare quel che avviene dopo, il concetto è che è molto più facile che ci sia “troppo fruttosio” che “troppo glucosio”. Per questa ragione si dice che il fruttosio ha una via per il grasso molto più breve rispetto al glucosio e ai suoi polimeri.


Il Secondo Motivo per cui il Fruttosio fa Male


Il secondo motivo per cui dovremmo evitare il fruttosio è più di natura logicista ma, a nostro avviso, molto più importante.

Ora, lo sport anaerobico e l’alimentazione ad esso funzionale, si basano su un concetto: quello della scarica e della ricarica del glicogeno muscolare.

In altri termini mi alleno, il muscolo utilizza le scorte di glicogeno all’interno del tessuto muscolare, mangio e vado a ricaricare queste scorte. Nel Bodybuilding poi uno degli scopi è quello di sovracompensare (non solo ricaricare) tali scorte. In altri termini vogliamo che il muscolo sia in grado di immagazzinare quanto più glicogeno possibile, questo perché l’aspetto che avremo sarà molto più pieno e la performance sarà migliore.

Ora, se il nostro scopo è quello di lavorare sul glicogeno muscolare, il fruttosio perde d’importanza perché viene metabolizzato a livello epatico! Sarà molto più sensato allora concentrare il grosso del nostro input glucidico sul glucosio e i suoi polimeri.


Allora il Fruttosio fa Male?


No, non fa di certo male. Un suo eccesso fa male, come anche l’eccesso di tutto. Il problema, come abbiamo visto, è che è molto facile eccedere con il fruttosio quindi conviene comunque regolarsi.

Lungi da noi andare a suggerire di eliminare del tutto frutta e verdura. Questo no. La frutta e la verdura sono importantissime per un corretto apporto di fibre, minerali e vitamine. Piuttosto quello che suggeriamo è di regolarsi. Limitiamoci quindi ad 1-2 frutti al giorno e cerchiamo di non esagerare con le verdure. Questi eccessi possono portare a diverse problematiche e il fruttosio è solo un aspetto che dovremmo considerare. Rimando, in quest’ottica, al precedente articolo sulle fonti di carboidrati.

Come al solito dunque, prima di tutto ragioniamo, capiamo, e solo dopo applichiamo. In medio stat virtus.

1 Condivisioni
X